Le bagels, che buone!

Ultimamente a noi GGDBologna piace andare in giro per il mondo e ogni volta che torniamo abbiamo voglia di condividere con voi ciò che abbiamo visto.

Dopo aver pubblicato l’interessante esperienza della nostra Aurora @CES2011, aggiungo anche io qualche chicca statunitense, raccontandovi qualche brivido geek (semiserio) provato durante la permanenza a NYC e CHICAGO (oltre ai brividi veri, quelli per il gelo statunitense, soprattutto nella Windy City).


FREE WIFI ACCESS, ESISTE!

A NY e Chicago l’accesso alla rete è continuo e gratuito, offerto da ogni locale dietro l’angolo (oltre che dai soliti Starbucks e Pret a Manger) dal negozio di abbigliamento al museo, dalla rete cittadina all’albergo… Sul mio iPhone la lista di WiFi spot era in continuo aggiornamento man mano che mi spostavo da posto all’altro, senza l’aiuto di alcun WiFi Finder, avevo solo l’imbarazzo della scelta! Inoltre, pare che il nuovo iPhone 4 appena uscito per Verizon sia utilizzabile come Personal Hotspot attivabile per 5 device diversi… vabbè, fantascienza…

FOURSQUARE – IL GEOMARKETING, ESISTE PURE LUI!

Avrò fatto mille check-in su 4Square, un pullulare di tips qui e là e innumerevoli offerte speciali per sindaci o nuovi avventori, tanti Special Nearby, ovvero i suggerimenti di acquisto nei negozi vicini a quello in cui ero appena entrata, oppure sconti, una seconda consumazione gratis o un antipasto offerto. Insomma, robe mai viste qui in Italia (a parte la carta fedeltà gratis che Coin regala al sindaco di ogni punti vendita… a proposito, è vera la storia dell’utente italiano di 4Square che si rivolge alla commessa della Coin dicendo “sono il Sindaco” e lei chiama la sicurezza? 😉 )

Durante la vacanza sono diventata mayor dell’hotel in cui pernottavo a Chicago – non ne ho avuto alcun guadagno, ok, però sono rimasta piacevolmente sorpresa quando, dopo qualche ora dal lieto evento, l’Hotel si è congratulato con me via Twitter e il venerdì successivo ero tra i suoi FollowFriday!

“TRE ANNI SEPARANO LA CULTURA DIGITALE AMERICANA DA QUELLA EUROPEA”

… mentre ieri leggevo questo articolo della Domenica del Sole24Ore, pensavo alla quantità di tablet vista in giro, potete immaginare, iPad, Kindle e compagnia in ogni dove.


TOUCH GLOVES, l’accessorio ufficiale

Questi guanti sono stati i miei fedeli compagni: di calda lana e con i polpastrelli di indice e pollice di un materiale che può interagire con lo schermo dell’iPhone, così puoi twittare senza congelarti le dita!!



KATE SPADE iPHONE CASE, per l’iPhone più fanatico che ci sia

Ecco non ho resistito, non avendo comprato l’iPad, sono uscita dall’Apple Store ALMENO con questo ricordino, che potete trovare anche online!

Insomma: W l’AMMERICA!

Simona

One Thought on “Saluti da NYC e Chicago (da Simona e dal suo iPhone)

  1. Pingback: Tweets that mention Girl Geek Dinners Bologna» Blog Archive » Saluti da NYC e Chicago (da Simona e dal suo iPhone) -- Topsy.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Navigation