Domani 25 aprile, a Bologna, così come in tutta Italia, ci saranno una serie di manifestazioni in memoria della liberazione del nostro Paese dal fascismo, per non dimenticare e per continuare a mantenere vivo il ricordo di quanti in passato si sono sacrificati per la libertà della Patria.

Anche il mondo del web non è voluto essere da meno ed in questi giorni spopolano una serie di iniziative volte proprio al rilancio di tale festività.

Il Comune di Bologna ha pensato di raccontare il 25 aprile attraverso gli occhi dei cittadini che, con scatti d’epoca, sono stati invitati a raccontare ognuno la propria personale esperienza, raccolta poi in un unico album sul profilo ufficiale di Pinterest del Comune.

Per chi non conoscesse da vicino Pinterest, si tratta di un social network “visual” che permette di condividere foto e illustrazioni su bacheche dove anche altri utenti possono a loro volta commentare e condividere. Il Social Network unisce il concetto della Timeline di Facebook alla sintesi di un Tweet e permette di mettere in vetrina i propri interessi suddivisi in categorie. La parola Pinterest infatti deriva dall’unione delle due parole pingboard (bacheca) e interest (interesse) proprio a voler sottolineare il concetto di vetrina ed esposizione fotografica dei propri interessi.

In occasione della data in cui si celebra la liberazione di Bologna e di tutta l’Italia, il Comune di Bologna insieme con la Community di Instagramers di Bologna, vi invitano a raccontare la vostra propria esperienza attraverso un ricordo fotografico sia del passato che del presente, che dovrà essere condiviso utilizzando l’hashtag #25aprilebo.

Tutte le foto saranno poi raccolte in un unico album su Pinterest dal titolo “21 e 25 Aprile” dove è già possibile sfogliare alcuni scatti dell’epoca concessi dalla Cineteca insieme ai contributi degli utenti.

Un viaggio in cui il passato e il presente si mescolano, tra il fascino del bianco e nero e i colori attuali dei ricordi che riecheggiano tra le strade di Bologna.

(Foto da Webstagram)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Navigation