daniela-net&thecityNon giriamoci intorno: i dati sono preoccupanti. Ciò che emerge nella nostra città, per quanto riguarda il mercato del lavoro e dei dati sull’imprenditoria femminile diffusi da Provincia e Camera di Commercio di Bologna, è un campanello d’allarme da non sottovalutare.

Discriminazioni-tipologie

Con un totale di 126 segnalazioni gestite dall’Assessorato alle Pari Opportunità dal 2010 al 2013, che equivale ad un +67% di presunti casi di discriminazione sul luogo di lavoro, il 95% riguardava donne e l’84% donne con figli.

Durante la conferenza stampa, svoltasi lo scorso venerdì, l’Assessore provinciale Gabriella Montera, Donatella Dal Rio Minelli, presidente dell’Associazione Soroptimist di Bologna, Giorgia Campana, Consigliera di parità della provincia di Bologna, Daniela Maschio, imprenditrice e Past President AIDDA di Bologna e Benedetta Rasponi, responsabile imprenditoria femminile Camera di Commercio di Bologna, hanno evidenziato che la crisi sta colpendo maggiormente le fasce lavorative femminili: le donne iscritte ai CIP (centri per l’impiego) in quanto disoccupate, risultano essere ben 51.000 (su circa 93.000 iscritti totali) e un terzo di esse sono cittadine di origine straniera e con una drammatica incidenza della fascia d’età da 35 a 44 anni.

Iscritte-CIP-2013 Iscritte-CIP-2013-eta

Le intervenute hanno convenuto che “la creazione di una rete fra rappresentanti dell’industria, imprenditori, associazioni e istituzioni può rafforzare l’esigenza di avviare un processo di cambiamento, adeguamento e innovazione” e noi di GGDBologna non vediamo l’ora di poter dare una mano in modo pratico e attivo, soprattutto per quanto riguarda l’ultima voce, che riteniamo essere uno dei principali propulsori che serviranno colmare la défaillance in cui attualmente moltissime lavoratrici si trovano.

Ultima, ma non per ultima, la nota positiva: nel territorio provinciale le imprese femminili sono il 21,4% di quelle complessive e il dato è rimasto ben fermo, nonostante la flessione generale, soprattutto per quanto riguarda due settori: commercio e manifatturiero.

Se pensate di aver ricevuto una discriminazione sul lavoro, oppure necessitate di una consulenza preventiva in tal senso, vi ricordiamo che l’ufficio delle Consigliere di Parità Opportunità della provincia di Bologna è a vostra disposizione al nr. 051-6598845 oppure via e-­mail: consiglieradiparita@provincia.bologna.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Navigation