bologna_alt00

Crediamo che una città a misura di donna aggreghi le persone che la visitano intorno a luoghi di interesse che raccontano la storia delle donne che la abitano e la vivono quotidianamente.

Crediamo in un turismo consapevole che sia valorizzato dalla narrazione digitale di questi luoghi e delle donne che hanno contribuito a costruirne l’identità culturale.

Crediamo nell’importanza di diffondere una cultura del lavoro abilitante per le donne, fatta di punti di aggregazione sociale e professionale, coworking, start up, eventi e proposte formative che valorizzino le opportunità offerte dall’uso attivo delle tecnologie e del digitale. Crediamo nelle storie positive e crediamo – soprattutto – nel fare rete con chi investe in narrazioni online che contribuiscano a fare emergere il valore al femminile di ciascun luogo per promuoverlo in maniera trasversale.

Per tutti questi motivi siamo felicissime di collaborare – come Media Partner  insieme a Spreaker e a Bologna Channel – all’iniziativa Progettiamo la #cittadelledonne legata a La città delle donne e organizzata dall’Agenzia Editoriale Emanuela Vita in collaborazione con TwLetteratura  e Snark Space Making.

Il gioco online – Progettiamo la #cittàdelledonne

Da mercoledì 19 a venerdì 21 novembre 2014 daremo avvio al progetto “La città delle donne”, la guida digitale crowdsourced di viaggio al femminile ideata dall’Agenzia Editoriale Emanuela Vita e selezionata dal Bando dell’Agenda Digitale del Comune di Bologna.

Tre giorni di discussione su Twitter con l’hashtag #cittàdelledonne e un laboratorio di scrittura dedicato a Renata Viganò.

Il video di presentazione

Il progetto

E’ possibile disegnare e raccontare collaborativamente la geografia femminile di una città?

La città delle donne è una guida digitale che mette in dialogo creatività e turismo attraverso la comunicazione crossmediale e i social network. Ogni pagina della guida è concepita per mettere in relazione un luogo di una città, il punto di vista e la biografia di una donna che lo osserva, i commenti e la partecipazione dei cittadini attorno ad un luogo e ad uno specifico punto di vista. Il progetto, ideato dall’Agenzia Editoriale Emanuela Vita, è stato selezionato dal Comune di Bologna nell’ambito del Bando dell’Agenda Digitale.

Appuntamento

Venerdì 21 novembre 2014, dalle ore 11 alle ore 13, presso l’Atelier dell’Urban Center di Bologna (Sala Borsa – ultimo piano – Piazza Nettuno, 3), presenteremo “La città delle donne” ai cittadini di Bologna con un laboratorio di lettura e riscrittura su Twitter attraverso il metodo TwLetteratura, dedicato a Renata Viganò.

Dal laboratorio, con cui inaugureremo la prima pagina de La città delle donne, nasceranno itinerari reali e virtuali, intesi come strumenti di valorizzazione delle attività femminili ma anche di promozione territoriale, oltre che di coinvolgimento delle comunità per lo storytelling del territorio. Il progetto, nato a Bologna, verrà in futuro replicato in altre città.

Come si gioca su Twitter

Giocare su Twitter con “La città delle donne” è semplice: da mercoledì 19 a venerdì 21 novembre 2014 la comunità di TwLetteratura su Twitter è invitata a proporre le sue riflessioni su La città delle donne in 140 caratteri.

Cosa dovrebbe contenere una guida urbana al femminile? Quali storie vorreste descrivere, raccontare e conoscere nella vostra città? Ditelo con un tweet attraverso l’hashtag #cittàdelledonne.

Venerdì 21 novembre 2014 il pubblico di Bologna sarà chiamato a riassumere, parafrasare, commentare o interpretare liberamente in 140 caratteri – su Twitter e su carta – un brano di Renata Viganò, alcuni estratti del quale saranno nel frattempo georeferenziati attraverso la app di Litteratour (al momento disponibile in ambiente iOS).

I migliori tweet prodotti dalla comunità di TwLetteratura e dal pubblico di Bologna verranno poi raccolti in un commentario elettronico grazie a Tweetbook. Per maggiori informazioni, segui su Twitter @CittàDonne e@TwLetteratura e scrivi all’indirizzo info@twletteratura.org

“Se ti dico che la città cui tende il mio viaggio è discontinua nello spazio e nel tempo, ora più rada ora più densa, tu non devi credere che si possa smettere di cercarla.”

(Italo Calvino, Le città invisibili).

[immagine in copertina in licenza CC – LorenzoClick]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Navigation