ggdbo16

Per tanti anni ci hanno “raccontato” che l’informatica non è una cosa da ragazze, ma noi sappiamo che non è così e proprio per questo abbiamo deciso di dedicare la #GGDBO16 al coding! In collaborazione con Coder Dojo Bologna e con la Media partnership di EWMD Reggio Modena, il 28 novembre 2015 non mancate alla prima GGD Mums & Kids.

Siete invitate con i vostri bambini a trascorrere una mattina insieme ai mentor di  Coder Dojo Bologna (e al team GGDBologna) per sviluppare la vostra creatività grazie all’informatica: perché la programmazione può davvero essere divertente!

Link per le iscrizioni su Evenbtrite: http://bit.ly/1Pk9HF2

Cos’è CoderDojo

E’ un movimento di volontari che offrono gratuitamente attività di coding, robotica e tinkering con l’obiettivo di far scoprire ai nativi digitali (dai 7 anni in su) ed alle loro famiglie che possono avere un rapporto attivo e creativo con le nuove tecnologie.

Cosa dovete portare

1 computer per famiglia
tanta voglia di divertirvi
Ti consigliamo di scaricare l’editor di Scratch da casa, così lo avrai già sul tuo computer: https://scratch.mit.edu/scratch2download

E i papà?

Sono benvenuti anche i papà: al momento dell’iscrizione della mamma, è possibile specificare oltre al proprio nome, anche un +1 (o di più) per i tuoi figli e papà, a seconda dei membri della famiglia che vogliono partecipare.

Il programma

GGD Mums & Code si terrà allo Urban Center di Sala Borsa a Bologna.
Inizio attività ore 10.00
, a metà mattina faremo una pausa merenda, offerta da GGD Bologna,  per poi riprendere fino alle 13.
Si lavora in gruppo, supportati dai mentor.

Ti aspettiamo!
GGDBologna team

GGD Bologna promuove internet come driver di democrazia, libertà e cultura, e come strumento di emancipazione per le donne.
Ecco perchè è con piacere che abbiamo scelto di appoggiare questo evento e fare da media partner.
Locandina-mondovisioni-14aprile-2-01MONDOVISIONI è la rassegna dei documentari di Internazionale che per il terzo anno a Bologna grazie alla rinnovata collaborazione tra Kinodromo, Sfera Cubica e Locomotiv club.
Il #6 appuntamento della rassegna, è il documentario che è stato scelto come icona di questa terza edizione: “#chicagoGirl – The social network takes on a dictator”.
Il documentario narra la storia di Ala’a Basatneh, 22 anni, un pc e la volontà di raccontare una storia a qualunque costo:
Dalla sua stanza alla periferia di Chicago una ragazza americana, figlia di esuli siriani, coordina attraverso la rete la rivolta in Siria: tramite Facebook, Twitter e Skype aiuta i compagni sul campo a fronteggiare cecchini e bombardamenti, e denuncia al mondo le atrocità commesse dal regime di Bashar al Assad. Diffondere notizie e immagini delle violenze non basta però a scatenare la reazione internazionale e così, mentre il conflitto infurria, gli attivisti del suo gruppo dovranno decidere quale sia il modo più efficace per combattere un dittatore: i social media o gli AK-47.

Ala’a è il collegamento tra chi protesta e chiede libertà.

E’ infatti grazie ai materiali che lei condivide nelle pagine che amministra, che anche i media tradizionali riescono ad entrare in contatto con fatti, dettagli e ciò che accade in un paese ancora in guerra, e in cui il governo non da accesso ad alcun tipo di informazione.
Abbiamo spesso parlato di alfabetizzazione, emancipazione grazie alla rete, e consapevolezza nell’utilizzo dei media digitali, e in questo film è proprio il senso di responsabilità nell’utilizzo dei mezzi ad emergere. Non è, infatti, la negazione dell’accesso ai media che viene sottolineata, quanto piuttosto la capacità di utilizzare l’accesso a disposizione, in modo tale che sia davvero una resistenza alternativa o complementare, in alcuni casi, a quella fatta con la presenza sul campo o alle armi.
Ala’a riesce a fare dell’equilibrio tra le informazioni, i contenuti multimediali e le atrocità  di ciò che accade, la sua cifra stilistica. E’ in grado di far coesistere il racconto tipico dei media di informazione, con la narrazione “cruda” della quotidianità fatta di fughe tra le bombe e macerie. La sua non è una soluzione facile, la rivoluzione fatta con i social media da casa, è una strategia studiata, lucida e coerente, che porta avanti con coraggio e determinazione.

Piscatella, dal canto suo, riesce a far emergere tutto questo universo fatto di guerra e ribellione, mixato alla storia di questa ragazza nella sua quotidianità a Chicago, in un documentario che vi terrà incollate al video, e vi sembrerà finire troppo in fretta.

#chicagoGirl non è soltanto un hashtag, è una voce con cui tutto il mondo può conoscere una storia, è la dimostrazione che il vero social network è fatto di persone che, attraverso i contenuti, possono fare la differnza.

Ecco il programma della serata del 14 Aprile:

20.00 Aperitivo Mondovisioni

21.15 #chicagoGirl The social network takes on a dictator di Joe Piscatella (Usa/Siria, 2013, 74′)

Versione Originale con con sottotitoli in italiano

1 film 5 euro [Tessera Kinodromo 3 euro]

Kinodromo @ Cinema Europa – via Pietralata 55, 40122 Bologna

Durante la serata sarà anche presente “Translate”: una App per smartphone creata insieme ad un gruppo di richiedenti asilo.

Noi ci saremo e voi?

Noi non vediamo l’ora che arrivi il giorno della #GGDBO15, e voi?

Parleremo di tecnologia, di competenze digitali e di progetti dell’associazione, mentre le vere “sfogline” ci insegneranno come si preparano le classiche tagliatelle bolognesi… Ma non è tutto!

Vogliamo rendere la vostra serata davvero speciale e vi presentiamo il primo sponsor che ha accettato con entusiasmo di “sposare” il nostro progetto e di partecipare con un regalo esclusivo per voi. Durante la #GGDBO15 infatti, tra una tagliatella e un’altra avrete la possibilità di ricevere delle splendide t-shirt in omaggio firmate Mariagrazia Panizzi. Come? Partecipate alla dinner e lo scoprirete 😉
mgpanizzi
Mariagrazia Panizzi
è una storica stilista di Bologna, un laboratorio di moda distribuita in Italia e all’estero. Le parole chiave che interpretano il suo ideale femminile sono emancipazione, intrapredenza, unicità: tutte caratteristiche che noi geek girls desideriamo sempre valorizzare attraverso le attività dell’associazione, ma anche nelle nostre vite di tutti i giorni. A tutte le iscritte, Mariagrazia Panizzi donerà quindi una tee disegnata personalmente… dal taglio molto particolare, ipercolorata e unica!

Cosa aspettate ad iscrivervi?

Per partecipare alla cena

Se non sei ancora socia 2015 di GGD Bologna hai l’opportunità di partecipare alla dimostrazione, alla cena di networking e tesserarti a soli 25€ complessivi, in via del tutto eccezionale. Se sei già una delle nostre socie anche quest’anno, partecipa alla dimostrazione e alla cena versando la quota di 20€.

Le Girl Geek Dinners sono aperte a tutti, anche se la priorità va alle donne: ognuna di noi può invitare un uomo iscrivendolo come proprio ospite. Tutti i presenti devono versare la quota per partecipare all’evento, e tesserarsi nel caso non lo fossero già.

Vuoi essere tu l’aiutante di Sfoglino?

Diccelo con un tweet o con un post su Facebook, usando l’hashtag della serata #GGDBO15 e/o taggandoci.

Specifica perché ti piacerebbe fare la sfoglia: il 26 febbraio comunicheremo chi abbiamo selezionato tra tutte/i!

I motivi per partecipare alla nostra serata sono tantissimi, cominciano con “networking” e la voglia di allargare il nostro team a nuove leve per questo anno tutto da condividere, finiscono con “ottima cena” e passano da “ogni giorno si impara qualcosa che ci rende più geek”!

Cosa aspetti a prenotare il tuo posto?

[AGGIORNAMENTO: Prenotazioni chiuse il 26.2.15]

tagliatella geek
La tagliatella diventa geek il 27 febbraio a Bologna!
La nostra #GGDBO15, come anticipato a fine 2014, si terrà infatti presso la Vecchia scuola bolognese, in via Galliera 11 a Bologna, dove delle vere “sfogline” ci insegneranno come si fanno le tagliatelle.

Per una sera ci staccheremo dal mouse e useremo le nostre competenze digitali per imparare a impastare, tagliare e cucinare un piatto della tradizione emiliana.

Ma non solo: al termine della dimostrazione di “Sfoglino”, ceneremo insieme alla Vecchia Scuola.

 Per questa #GGDBO15 abbiamo scelto un modo diverso di fare networking per valorizzare al massimo il legame tra competenze tecnologiche digitali e il “saper fare” della tradizione.

Ti vogliamo coinvolgere non solo in una cena ma in una vera e propria esperienza, durante la quale – ne siamo certe – potranno nascere anche tanti spunti e idee da mettere sul piatto, è proprio il caso di dirlo :), per condividere le tue e nostre idee e i progetti, che in ambito tecnologico rafforzano il ruolo delle donne.

Per partecipare

Se non sei ancora socia 2015 di GGD Bologna hai l’opportunità di partecipare alla dimostrazione, alla cena  di networking e tesserarti a soli 25€ complessivi, in via del tutto eccezionale.

Se sei già una delle nostre socie anche quest’anno, partecipa alla dimostrazione e alla cena versando la quota di 20€.

Le Girl Geek Dinners sono aperte a tutti, anche se la priorità va alle donne: ognuna di noi può invitare un uomo iscrivendolo come proprio ospite. Tutti i presenti devono versare la quota per partecipare all’evento, e tesserarsi nel caso non lo fossero già.

 Vuoi essere tu l’aiutante di sfoglino?

Durante la dimostrazione, Sfoglino verrà affiancato da un’aiutante che metterà in pratica i suoi insegnamenti per insegnare a tutti a fare le tagliatelle.

Se vuoi essere tu la persona che affianca Sfoglino, diccelo con un tweet o con un post su Facebook, usando l’hashtag della serata #GGDBO15 e/o taggandoci.

Specifica perché ti piacerebbe fare la sfoglia: il 26 febbraio comunicheremo chi abbiamo selezionato tra tutte/i!

I motivi per partecipare alla nostra serata sono tantissimi, cominciano con “networking” e la voglia di allargare il nostro team a nuove leve per questo anno tutto da condividere, finiscono con “ottima cena” e passano da “ogni giorno si impara qualcosa che ci rende più geek”!

 Cosa aspetti a prenotare il tuo posto?

 

[AGGIORNAMENTO: Prenotazioni chiuse il 26.2.15]

workshop15lacittc3a0delledonne

Un interrogativo che ci poniamo molto spesso: è possibile disegnare e raccontare collaborativamente la geografia femminile di una città?
Cosa dovrebbe contenere una guida urbana al femminile?

Domenica 25 gennaio, dalle ore 15.00 alle ore 18.00, a Milano negli spazi di Expo Gate davanti al Castello Sforzesco, con un esperimento digitale e analogico di mappatura collaborativa dedicato proprio al capoluogo lombardo, attraverso i vari punti di vista, i commenti e la partecipazione dei cittadini e delle cittadine, si proverà a dare una risposta e a disegnare la geografia della città, mettendo in relazione la produzione femminile e il contesto cittadino.

Il progetto Città delle donne, ideato dall’Agenzia Editoriale E.V., è stato avviato a Bologna in collaborazione e con il sostegno dell’Agenda Digitale del Comune di Bologna.
Il laboratorio è realizzato in collaborazione con Gli Stati Generali delle Donne, Paco Collaborative Design, TwLetteratura, EmmaBooks.

Chi desidera partecipare può farlo iscrivendosi attraverso questo link.
Chi, invece, desidera seguire l’evento online può farlo attraverso l’hashtag #cittàdelledonne su Twitter o Facebook.

Buon lavoro, vi seguiremo con attenzione!
GGDBologna team

Post Navigation