team-mgp

Questa è la nostra espressione felice: tanto sforzo per organizzare la #GGDBO15 ripagato dalla vostra partecipazione, dal vostro affetto e dalla soddisfazione per aver creato tutti insieme un momento perfetto.

Ringraziamo di cuore tutte le partecipanti e i loro +1 che hanno colto appieno lo spirito di questa serata e l’hanno arricchita di interventi, networking e simpatia, anche grazie alla presenza del nostro Sfoglino e della sua aiutante.

Lo scopo della nostra associazione è, fra i tanti, mettere in contatto persone diverse fra loro, con esperienze fra le più svariate: a giudicare dai vostri post-it (che vedrete presto online!) siete davvero tutti ricchi di spunti e voglia di fare. Non vediamo l’ora di portare avanti un nuovo anno pieno di novità e tante altre occasioni per stare insieme. Non vi deluderemo, promesso!

foto 1

Oltre alla squisita ospitalità de La Vecchia Scuola, il nostro ringraziamento più sentito va ai nostri sponsor  Mariagrazia PanizziConsorzio MelaPiù che hanno creduto nello spirito dell’iniziativa e si sono messi in gioco, divertendosi e divertendo. Queste sono alcune delle foto scattate durante la serata, potete trovare qui l’album (se avete altri scatti, mandateli!).

foto 2

Ancora grazie di cuore e non perdiamoci di vista!

GGDBologna team

tagliatella geek

Tutti pronti per stasera? E’ quasi l’ora della tanto attesa #GGDBO15!

Qualche news che vogliamo condividere con voi: innanzitutto, per dare un tocco di dolcezza alla nostra serata #tagliatellageek abbiamo un partner d’eccezione, il top di dolcezza delle mele Fuji e Fujion del Consorzio MelaPiù!

Ci è sembrato ideale unire la nostra vocazione tech a questo evento a km 0, ricco delle migliori tradizioni della nostra terra e quale occasione migliore per farvi assaggiare queste meravigliose mele di pianura, coltivate con estrema cura e passione dagli esperti agricoltori della nostra zona?

Potrete assaggiare e portare a casa con voi MelaPiù, ma soprattutto fotografarvi assieme a loro perché… #anchetuseiMelaPiù.

E finalmente possiamo annunciare chi sarà l’aiutante sfoglino. Rullo di tamburi….Clara Zeed, sei pronta per sfidare la tradizione? 😉  Noi non vediamo l’ora di assaggiare la tua tagliatella geek gluten free! Grembiule e strumenti da cucina ti aspettano per imparare tutti i trucchi del mestiere.

Cos’altro aggiungere! Ci vediamo stasera per un buon piatto di #tagliatellageek!

 

tagliatella geek

Ci siamo quasi, venerdì 27 sarà la volta della nostra #GGDBO15 e noi siamo, come sempre, in trepidante attesa.

I preparativi sono quasi terminati, la lista dei partecipanti aumenta di giorno in giorno e tutto sembra funzionare al meglio.

Noi GGDBologna però vogliamo assicurarci che anche i nostri soci e amici vegetariani possano partecipare alla serata e, per questo, ci teniamo a comunicarvi che per la #tagliatellageek sarà possibile richiedere anche l’opzione vegetariana.

Farlo è molto semplice: dopo aver prenotato la vostra tagliatella, basterà inviare una mail a ggdbologna@gmail.com e richiedere l’opzione vegetariana. La Vecchia Scuola Bolognese saprà proporvi succulente alternative.

Allora siete pronti per una dinner a colpi di matterello?

Per partecipare alla cena

Se non sei ancora socia 2015 di GGD Bologna hai l’opportunità di partecipare alla dimostrazione, alla cena di networking e tesserarti a soli 25€ complessivi, in via del tutto eccezionale. Se sei già una delle nostre socie anche quest’anno, partecipa alla dimostrazione e alla cena versando la quota di 20€.

Le Girl Geek Dinners sono aperte a tutti, anche se la priorità va alle donne: ognuna di noi può invitare un uomo iscrivendolo come proprio ospite. Tutti i presenti devono versare la quota per partecipare all’evento, e tesserarsi nel caso non lo fossero già.

Vuoi essere tu l’aiutante di Sfoglino?

Diccelo con un tweet o con un post su Facebook, usando l’hashtag della serata #GGDBO15 e/o taggandoci.

Specifica perché ti piacerebbe fare la sfoglia: il 26 febbraio comunicheremo chi abbiamo selezionato tra tutte/i!

I motivi per partecipare alla nostra serata sono tantissimi, cominciano con “networking” e la voglia di allargare il nostro team a nuove leve per questo anno tutto da condividere, finiscono con “ottima cena” e passano da “ogni giorno si impara qualcosa che ci rende più geek”!

Cosa aspetti a prenotare il tuo posto?

Iscriviti su Eventbrite, e scegli dal menù a tendina la tua opzione di pagamento PayPal!
I posti sono limitati e, per lasciare a tutte le iscritte la possibilità di partecipare, non potremo considerare valide le iscrizioni senza la conferma di PayPal… grazie per la comprensione 🙂

[AGGIORNAMENTO: Prenotazioni chiuse il 26.2.15]

francesca-net&thecitySi chiama IctLadies ed è la nuova campagna europea per incoraggiare le donne a intraprendere studi e carriera nel settore tecnologico e digitale.

La campagna, sostenuta dalla VicePresidente alla Commissione europea Neelie Kroes, è stata lanciata da Monique Morrow, Lindsey Nefesh-Clarke e Sofia Svanteson che provengono da diversi Paesi europei e si occupano professionalmente di ICT.

L’idea è quella di raccontare le storie di tutte le donne che hanno colto le opportunità offerte da questo settore per realizzare progetti professionali o intraprendere carriere soddisfacenti, attraverso dei video.

Tutte noi possiamo partecipare al progetto realizzando un video che presenti la propria storia di successo, da condividere sulla pagina facebook  Every Girl Digital. Tutte le storie sono raccontate sul canale youtube dell’iniziativa  e balza subito all’occhio come – al momento – siano assenti storie italiane.

La campagna prende spunto da un recente studio della Commissione Europea “Women active in the ICT sector”. I dati della ricerca sono significativi, così come racconta anche il comunicato stampa di lancio:

appena 29 laureate su 1 000 conseguono un diploma universitario di primo livello nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (contro 95 uomini su 1 000) e solo 4 su 1 000 lavorano effettivamente nel comparto;

rispetto agli uomini, le donne tendono a abbandonare il settore a metà carriera e sono sottorappresentate nelle posizioni manageriali e di responsabilità (anche più che in altri settori); solo il 19,2% degli addetti del settore delle TIC ha un capo donna, contro il 45,2% in altri settori.

Nello studio viene suggerito che “con un’inversione di tendenza e una percentuale femminile nel comparto digitale pari a quella maschile, il PIL europeo registrerebbe un incremento di circa 9 miliardi di euro l’anno” e si sottolinea la percentuale maggiore di guadagno rispetto ad altre professioni, delle donne che lavorano nell’ICT.

In Europa sono poche anche le imprenditrici del digitale, coloro che decidono di investire in un progetto personale a livello professionale: rispetto ad altri settori, dove le imprenditrici si attestano al 31,3%, nel digitale siamo arrivati a un 19,2%.

Sono questi alcuni dei motivi che hanno spinto Neelie Kroes a intraprendere questa campagna e a valorizzarla al massimo in sede istituzionale: bisogna raccontare le storie di successo per invogliare chi ha voglia di mettersi in gioco a intraprendere una carriera digitale ed è necessario coinvolgere le persone più giovani perché scelgano relativi percorsi di studio.

In Italia, circa un anno fa Microsoft, insieme ad alcuni partner istituzionali, ha lanciato il progetto La Nuvola Rosa, una serie di eventi e convegni destinati sia a professioniste che a ragazze dell’ultimo anno delle superiori, e che si è tenuto a Firenze a maggio 2013.

Le iniziative stanno cominciando a moltiplicarsi e l’obiettivo sembra proprio quello di coinvolgere le giovani ragazze, per sensibilizzarle su una scelta tanto importante come quella della Facoltà universitaria.

A Napoli l’Università delle donne ha proposto un’indagine sull’iscrizione femminile a materie scientifiche che evidenzia un dato un po’ “strabiliante”:

In  particolare nel dottorato di ricerca si registra una percentuale di donne significativamente più  elevata in Italia che in Europa (+ 13 punti percentuali). Questa caratteristica accomuna il nostro paese ad altri quali Cipro, Portogallo, Latvia, Lituania, Estonia e Bulgaria.

Eppure “le donne laureate nelle facoltà scientifiche sono ancora meno numerose dei colleghi maschi” e il numero delle imprenditrici digitali è di gran lunga inferiore a quello dei colleghi maschi. Noi GGD crediamo molto nelle opportunità offerte dalle tecnologie alle donne e speriamo davvero che tante donne e soprattutto giovani ragazze se ne accorgano e ci auguriamo che si moltiplichino anche i casi di successo italiani, da raccontare non solo in video, ma anche attraverso la ripresa economica, favorita dall’accesso femminile all’ICT.

 

 

 

ceci-net&thecitySbarca in città per la sua 51° Edizione Bologna Children’s Book Fair, riconosciuta in tutto il mondo come l’evento da non perdere per tutti coloro che si occupano di contenuti culturali per ragazzi,  e al quale sono ammessi unicamente gli operatori del settore.

Fin qui, direte, nulla di nuovo, vista la fama internazionale di cui gode la manifestazione, ma la vera novità è che quest’anno in contemporanea si svolgerà la Settimana del Libro e della Cultura per Ragazzi con un padiglione, il 33, che ospiterà da sabato 22 a giovedì 27 marzo la prima edizione di questa nuova iniziativa targata Bologna Fiere, dal titolo Non Ditelo Ai Grandi – un classico di una delle più famose autrici Alison Lurie tutto dedicato al “Subversive Power of Children’s Literature”.

All’interno di entrambe le manifestazioni ci saranno tantissimi eventi e iniziative oltre a premi dedicati, e un focus in costante crescita sul mondo dell’editoria digitale, delle applicazioni per i più piccoli, e in generale delle nuove tecnologie e del loro utilizzo nel mondo dell’editoria per ragazzi.

Tra le punte di orgoglio di quest’anno va certamente segnalato il fatto che le APP del BolognaRagazzi Digital Award – il giovane Premio della Fiera del Libro per Ragazzi nato nel 2011 con l’obiettivo di valorizzare le produzioni più innovative nell’ambito delle “app” derivate da libri – sono inserite tra le quelle consigliate dalla redazione Itunes Store la celebre piattaforma di casa Apple

Il Premio è suddiviso in due categorie (Fiction e Non-Fiction) viene attribuito da una giuria internazionale presieduta da Warren Buckleitner (Children’s Tech Revue, USA) e composta da Cristina Mussinelli, Chris Meade e Klaas Verplanke.

Qui potete trovare tutte le applicazioni premiate, e il link diretto alla relativa pagina sullo store. Da segnalare tra le tante Jack and the Beanstalk e Double Double

Noi di GGDBologna abbiamo cercato di fare una selezione delle iniziative più interessanti, destinate al pubblico non professioanle, per orientarvi all’interno delle tantissime proposte del prossimo week end e della settimana successiva.

Sabato 22/03
Ore 15:00 – SPAZIO UNIBO

Scienza e tecnologia nei romanzi per ragazzi
William Grandi, Ph.D.
A cura del Centro di Ricerca in Letteratura per l’infanzia (CRLI), Dipartimento di Scienze dell’Educazione, Alma Mater Studiorum – Università degli Studi di Bologna

Non è necessaria la prenotazione.

Domenica 23/03
Ore 16:30 – SALA B
La tecnologia a piccoli passi – Le app per i più piccoli

Pierre et le loup, Camera lucida (Francia) vincitore del Digital Award della Fiera del Libro per Ragazzi sezione “Non Fiction”. Il libro bianco, Minibombo, Italia. Incontro per famiglie con bambini di 3-5 anni.
Con Silvia Borando, Minibombo

Non è necessaria la prenotazione.

Martedì 25/03
Ore 14:00 – SPAZIO UNIBO
Musei 2.0. La costruzione dei musei virtuali sull’infanzia e l’educazione
Con Chiara Panciroli – Università di Bologna.
A cura di MoDE – Museo Officina dell’Educazione.

Non è necessaria la prenotazione.

Ore 15:30 – SALA B
Guarda che Face…book! Nati per Leggere e la promozione della lettura in famiglia sui social network

Intervengono
Alessandra Farabegoli, community manager ed esperta di social network
Tiziana Cristiani, membro del Coordinamento nazionale Nati per Leggere e responsabile per la comunicazione sui social network
Barbara Frinolli, componente della redazione Nati per Leggere.

Modera Fabio Bazzoli, membro del coordinamento nazionale Nati per Leggere.

L’iniziativa è organizzata In collaborazione con la Fiera Internazionale del Libro per Ragazzi di Bologna, la Sezione Emilia Romagna dell’Associazione Italiana Biblioteche e LiBeR.

Nati per Leggere si interroga sul ruolo dei social network nella diffusione della lettura in famiglia a partire dalla propria pagina facebook che ha raggiunto gli oltre 90 mila fan.

Non è necessaria la prenotazione.

Ore 16:00 – LIBRERIA – SPAZIO ARTIVITY
Presentazione del libro e app Io sono un supereroe, Electa Kids Mondadori

Incontro con Fausto Montanari e Koo Koo Books.
A seguire laboratorio Costruisci la tua maschera da supereroe

Per bambini da 5 anni e genitori.
Non è necessaria la prenotazione

Non resta che dirvi, godetevi questo concentrato di cultura e colori, ma #NonDiteloAiGrandi

Post Navigation